Rice dà a Teheran due settimane per fermare il nucleare

Dublino. Il segretario di Stato americano Condoleezza Rice, ha detto che lo «stallo» deve finire e che l’Iran ha due settimane per rispondere con il congelamento del programma nucleare alla proposta di incentivi del 5 più 1. Si sovrappone anche la voce di Gordon Brown, che in un discorso al Parlamento israeliano ha detto ieri che l’Iran «ora deve fare una scelta»: il negoziato o nuove sanzioni e l’isolamento. Le parole di Brown, il primo premier britannico a parlare davanti alla Knesset, riprendono quelle del portavoce della Casa Bianca, Sean McCormack, che pochi giorni fa, dopo gli incontri sul nucleare a Ginevra, ha dato a Teheran un ultimatum, pena un ulteriore isolamento.