Alla ricerca delle gemelline Tracce di Dna su una penna

L’hanno trovata sui binari della stazione di Cerignola, è quasi intatta e potrebbe custodire elementi importanti: si tratta di una penna, un gadget che porta la scritta «La Meridionale», la compagnia di navigazione che collega Marsiglia alla Corsica con cui ha viaggiato Matthias Kaspar Schepp, l’ingegnere di 44 anni che ha scelto si suicidarsi in Puglia dopo aver fatto sparire le figlie, Alessia e Livia. Proprio quella penna potrebbe rivelarsi una traccia decisiva per verificare se a bordo della motonave ci fossero anche le gemelline di sei anni e per questo l’oggetto è stato inviato alla polizia scientifica di Roma per verificare se vi siano tracce delle bambine. I risultati si dovrebbero conoscere tra un paio di giorni. Gli investigatori sono convinti che una svolta possa arrivare con la ricostruzione del viaggio di Schepp, sprofondato nella follia dopo la separazione dalla moglie, Irina Lucidi, originaria di Ascoli Piceno. L’uomo è partito da Saint Suplice, sobborgo di Losanna, dove ha portato via le figlie, e ha scelto di morire a Cerignola, in provincia di Foggia, dove il 3 febbraio si è lanciato contro l’Eurostar Milano-Bari.