Richiesta Pdl Un giorno solo per aprire un’impresa

L’obiettivo è «aprire un’impresa in un solo giorno», ed è contenuto in una proposta di legge regionale del Pdl ligure, presentata ufficialmente ieri e prossima ad approdare in aula. Il consenso - si augura Luigi Morgillo, vicepresidente del consiglio regionale - «dovrebbe essere condiviso a livello trasversale». Morgillo è il primo firmatario delle «Misure di semplificazione amministrativa per le imprese: attivazione della procedura Impresa in ungiorno» che si basa sulla Diap-Dichiarazione di inizio attività produttiva, in base alla quale l’imprenditore che avvia un’attività si assume in prima persona la responsabilità che la sua iniziativa rispetti le norme urbanistiche, sanitarie, ambientali, di sicurezza previste dalle leggi vigenti. Al pubblico è demandato il ruolo di controllo. Spiega Morgillo: «In caso di dichiarazioni menzognere scatterebbe il penale. Una legge analoga è già stata sperimentata positivamente in Lombardia». Al riguardo Massimo Sola, segretario generale di Confindustria Liguria, ricorda quanto sia importante per la nascita e la vita dell’impresa snellire i tempi della burocrazia: «Una legge del genere, se approvata - aggiunge Sola - darebbe un nuovo ruolo di rappresentanza anche alle associazioni di categoria».
Secondo Luca Costi, segretario di Confartigianato Liguria, «il giudizio sull’impianto di questa proposta di legge non può essere altro che positivo, in quanto la semplificazione rappresenta un elemento centrale per lo sviluppo dell’attività d’impresa». È poi Matteo Rosso, collega di partito di Morgillo in consiglio regionale, a rimarcare l’importanza di una norma come quella proposta dal Pdl «che va incontro alle esigenze soprattutto dei piccoli imprenditori, in particolare quelli del commercio, oggi strangolati dall’invadenza in Liguria non solo da parte della burocrazia, ma anche delle cooperative rosse». Conclude Morgillo riferendosi allo sportello unico, «strumento fondamentale per velocizzare le procedure, che la nuova proposta intende riordinare semplificando ulteriormente l’esercizio delle sue funzioni». Lo sportello unico, in questa prospettiva, dovrà costituire il solo punto di accesso per il richiedente, per tutto quanto concerne la sua attività produttiva, e fornire una risposta tempestiva al posto di tutte le pubbliche amministrazioni coinvolte nel procedimento.