Ricompaiono i «cerchi degli ufo» nei campi di grano

Frotte di curiosi per i segni del passaggio degli «alieni» o dei burloni

Michele Perla

Mentre i curiosi continuano ad arrivare a frotte, polizia municipale e carabinieri indagano, per tentare di dare una spiegazione plausibile ai misteriosi «cerchi» apparsi all’improvviso all’interno di un campo di grano in via Crocefisso, dietro il centro sportivo di Dairago. Paese di 5000 abitanti del Legnanese quest’ultimo, è diventato così in brevissimo tempo meta di ufologi e di appassionati di misteri galattici.
Già, perché molti giurano che le gigantesche geometrie rinvenute nel campo, senza alcuna traccia di passaggio di qualsivoglia mezzo meccanico, altro non sono che le orme lasciate da qualche navicella spaziale. Qui, come già in altri campi di grano del nord Italia. Ovviamente nessuno ha visto gli extraterrestri fermarsi di notte per una sosta prima di ripartire; tuttavia i dairaghesi, e non soltanto loro, ancora non sono riusciti a spiegarsi l’avvenimento, di certo non comune.
I vigili urbani hanno effettuato un sopralluogo insieme ai militari dell’Arma, il giorno dopo la segnalazione del rinvenimento. «Quando siamo arrivati abbiamo trovato un enorme cerchio al centro del campo, realizzato schiacciando il frumento in senso rotatorio – raccontano al comando della polizia municipale -; dal cerchio partivano nelle quattro direzioni dei punti cardinali, altrettanti corridoi lunghi tre metri e larghi 1,5 che si collegavano ciascuno con un cerchio di 7 o 8 metri di diametro». Quello che però ha colpito gli investigatori è stata l’assenza di qualsiasi traccia che collegasse i cerchi all’esterno del campo; tracce che avrebbero fatto pensare all’utilizzo di un macchinario.
Niente di niente, come se dal cielo fosse atterrato qualcosa di strano, lasciando la sua grande impronta prima di sparire. E mentre permane il mistero, a Dairago si rincorrono storie ed ipotesi fra le più singolari. Come quella narrata da un agricoltore, che ricorda quando il figlio tempo fa vide atterrare all’imbrunire in un campo, una sorta di navicella spaziale subito però ripartita. C’è anche però chi fornisce collegamenti inquietanti. Come il rinvenimento dei cerchi e quindi il passaggio di Ufo, con un oscuro episodio accaduto nei giorni scorsi poco lontano dal luogo del ritrovamento. La morte di un contadino, che godeva di ottima salute, trovato misteriosamente senza vita sul trattore. Insomma per gli appassionati di X–files, a Dairago in questo momento c’è di tutto e di più. Meno l’ipotesi relativa all’ingegnoso «geometra», che sicuramente se la sta ridendo di gran gusto.