In ricordo del marito paga la cena a tutta Portofino

Ha invitato a cena tutto il paese. Ogni abitante, scrocconi esclusi. Perché non si tratta di un paese qualunque, ma di Portofino, dove una cena può costare un occhio della testa, anche solo per due. Figuriamoci per duecentocinquanta persone. Rosanna Accornero, detta Chicca, ha voluto ricordare così il suo Giorgio, il marito scomparso. Una maxi cena offerta a tutti i residenti di Portofino, per ricordare uno dei suoi cittadini più illustri. La signora Accornero, titolare dell’omonimo gruppo industriale, ha invitato alla serata tutti i portofinesi doc, quelli che nel Borgo hanno regolare residenza, che vivono e magari lavorano affacciati sul porticciolo più famoso della Liguria. Esclusi i vip, i proprietari di ville e case delle vacanze e, soprattutto, gli scrocconi. In tutto - si calcolava ieri in Piazzetta - gli ospiti attesi erano circa duecentociquanta. Tutti a cena a spese della Accornero. Che aveva fatto spargere la voce per tempo: ogni abitante non doveva far altro che recarsi in uno dei ristoranti o delle trattorie di Portofino, cenare e salutare, magari dopo aver rivolto un pensiero a Giorgio Accornero e alla moglie. Lei - anticipava ieri il «Secolo XIX» - avrebbe trascorso la serata con amici allo Splendido Mare, per poi passare di locale in locale a saldare il conto, prima di rientrare a casa.