Ricostruita la mano al cacciatore

Intervento eccezionale al San Paolo di Savona: la mano di un cacciatore, trapassata da una rosa di pallini sparata accidentalmente dal fucile dell'uomo, è stata ricostruita dall'equipe medica del primario del Dipartimento di chirurgia della mano dell'ospedale, Mario Igor Rossello. Il cacciatore, Alessandro Saracco, 59 anni, genovese, si era ferito ieri mattina, presso Torriglia. Saracco aveva appoggiato la mano sinistra sulla canna del fucile, una carabina calibro 12, per una normale operazione di pulizia dell’arma. Forse per disattenzione, dal fucile è partita una rosa di pallini che gli ha perforato l’arto, aprendo un foro di almeno 5 centimetri. I tessuti sono rimasti completamente devastati. L’uomo, soccorso da un' autoambulanza del 118, è stato trasportato con un elicottero dei vigili del fuoco all'ospedale savonese in poco più di un'ora. Alle 14 era già in sala operatoria, per un intervento complesso di ricostruzione dell'arto, che ha impegnato l'equipe chirurgica per l'intero pomeriggio, fino alle 17.