Per la ricostruzione decisi contributi totali

Nel decreto legge sul terremoto il punto centrale resta il contributo statale del 100% a fondo perduto per la ricostruzione o la riparazione dell'abitazione principale. Il provvedimento prevede inoltre la realizzazione di «moduli abitativi» destinati agli sfollati per consentire «la chiusura delle tendopoli». Sospesi fino al 31 luglio i pagamenti (con eccezione per casi particolarmente gravi) i processi civili nei comuni colpiti dal sisma, nonchè i termini di pagamento dei titoli di credito, cambiali ed assegni. Sospesi anche i termini per la notifica delle cartelle di pagamento. Viene predisposto un piano di interventi urgenti per il ripristino degli immobili pubblici danneggiati.