La ricostruzione del delitto

Il gip di Perugia nelle motivazioni della convalida del fermo ricostruisce la notte in cui ha perso la vita la 22enne inglese Meredith Kercher

Perugia - Una ricostruzione di quanto successo la sera del primo novembre scorso nell’abitazione di viale Sant'Antonio dove è stata uccisa Meredith Kercher è contenuta nel provvedimento di convalida del fermo dei tre indagati da parte del gip di Perugia, Claudia Matteini. Raffaele Sollecito e Amanda Knox hanno passato il pomeriggio insieme fumando hascisc, quindi verso le 20.30, la studentessa statunitense, mentre si trovava in casa del fidanzato pugliese, ha ricevuto un messaggio di Lumumba Diya, detto Patrick, che le avrebbe confermato un appuntamento per la sera stessa. Secondo il gip, Amanda si sarebbe offerta di fare avere al musicista dell’ex Zaire un incontro con la sua amica e coinquilina Meredith della quale si era invaghito. Sollecito - annoiato e alla ricerca di "emozioni forti", ipotizzano gli inquirenti - e la Knox hanno quindi incontrato Lumumba in piazza Grimana intorno alle 21 e insieme si sono recati nell’appartamento di via della Pergola dove le due studentesse straniere vivevano.

Festino finito male In base alla ricostruzione della polizia proprio a quell’ora il pugliese e la statunitense hanno spento i loro cellulari, di nuovo accesi la mattina successiva. In base alla ricostruzione contenuta nelle motivazioni della convalida del fermo, poco dopo rientrava Meredith o la stessa poteva già trovarsi lì. L’ipotesi è che la studentessa inglese si sia appartata con Patrick. Dopo di che «qualcosa andava male», è detto nel provvedimento. Probabilmente è intervenuto anche Sollecito e i due hanno iniziato a pretendere qualcosa dalla giovane inglese che però si è rifiutata. Veniva così minacciata con un coltello che Sollecito era solito avere sempre con sè e con il quale Meredith è stata colpita al collo. Secondo il gip i tre, resisi conto di quanto accaduto, se ne sono andati frettolosamente dalla casa creando confusione. Cercando di simulare un furto ma anche sporcando dovunque con il sangue nel tentativo di pulirsi. Il corpo di Meredith è stato trovato il 2 novembre intorno alle 13.30. Martedì mattina i fermi di squadra mobile e Sco. Ieri l’udienza di convalida dei fermi.