Ridatemi il vecchio Mozart

Da 50 anni sono appassionato di musica lirica e sinfonica. Sino a cinque, sei anni or sono non sono mai mancato alle manifestazioni musicali sia genovesi (ero abbonato a tutte) che fuori Liguria (Milano, Torino, Verona, Firenze ecc.).
Ma allora le «Opere liriche» erano un reale godimento e un arricchimento di conoscenze. Ho iniziato a disertare allorquando gli spettacoli sono diventati un vero «bordello» sul palcoscenico: scene infami e brutte, ma proprio brutte, poi ci si è messa di mezzo anche la pornografia, ma non una pornografia «soft» ma una cosa non raccontabile, porcherie e nudi volgari. Non lo potevo accettare e non volevo guastare il ricordo di tante belle serate.
Giorni fa fui invitato da un amico a tornare in teatro con lui a vedere il «Don Giovanni» di Mozart. Ne ricordavo una bella edizione al teatro Margherita di via XX Settembre di tanti anni fa.
Non voglio dir nulla di questa ultima andata in scena in questi giorni - spettacolo inaugurale della stagione 2005/2006 - e in un teatro (...)
SEGUE A PAGINA 49