Rieccoli due mesi dopo lo sgombero

Settantuno rom sgomberati da via Ripamonti alla vigilia di Capodanno. Le istituzioni trovano loro ospitalità in quel di Opera ma alcuni balordi danno fuoco alla baraccopoli. Scoppia la prima polemica politica del 2007. Vertici in Prefettura tra amministratori pubblici e residenti di Opera: si raggiunge a fatica l’intesa di un’ospitalità temporanea. Tre mesi e poi i 71 andranno via. C’è anche la firma di un patto di legalità tra i rom e le Istituzioni, dove si promette il rispetto delle leggi. Ma le proteste non si placano: i cittadini di Opera manifestano quotidianamente contro il sindaco ds e la sua giunta pro-rom. Poi, a sorpresa, dopo una quarantina di giorni, i settantuno rom abbandono l’area. Oggi, sono ospitati da don Colmegna e altre organizzazioni.