Rientro morbido e senza code grazie alla pioggia

A Pasquetta gite fuoriporta per 5 milioni. Boom di visite ai musei

Controesodo tranquillo con pochi incidenti sulle strade e rientro anticipato per via del maltempo di ieri. Molti italiani dunque sono già tornati a casa. Mentre 5 milioni hanno preso l’auto solo ieri, per una gita fuori porta. Sono stati 15 milioni invece gli italiani che hanno deciso di andare in vacanza durante la settimana pasquale. Per farlo hanno speso 4,5 miliardi di euro per tutto il periodo (nonostante il caro del petrolio). Ogni famiglia ha speso fra Pasqua e Pasquetta minimo 120 euro. Nelle case si sono rotti 45 milioni di uova, 35 milioni di colombe con prezzi molto buoni (si trovavano sabato colombe al prezzo di 0,99 cents). Le vacanze di Pasqua sono state occasione per visitare le seconde case al mare (32%), o in montagna (21%). Quasi 5 milioni hanno visitato invece le città d’arte accanto ai 3 milioni di stranieri. Un 20% è uscito dalle frontiere , metà di questi per un viaggio a medio e lungo raggio (quasi 2,5 milioni) attirati soprattutto dai last minute e dalle offerte.
I musei hanno avuto un più 10% e così le aree archeologiche. Tra i posti più visitati il Colosseo, il Palatino, gli Scavi di Pompei, La Galleria degli Uffizi, la Galleria dell’Accademia, Reggia ed il Parco di Caserta, Villa d’Este a Tivoli, Galleria Accademia a Venezia, il Museo Archeologico di Napoli. A rientrare in città sono stati per primi i romani (in 600mila rientri), seguiti dai milanesi (500mila), poi Napoli 300mila, Torino 200mila, Bologna 200mila, Firenze 150mila come Palermo, Bari 80mila, Catania 70mila, Cagliari 60mila, Verona 50mila, Venezia 70mila. Complessivamente è rientrato ieri il 65% di chi era in vacanza.