Rifiuti, la Cdl protesta alla Camera: "Doveva essere Prodi a riferire in aula"

Protesta dei deputati della Cdl contro il ministro per i Rapporti con il parlamento Vannino Chiti, intervenuto a Montecitorio al posto di Prodi per riferire alla Camera sull'emergenza rifiuti

Roma - Proteste della Cdl nell’aula della Camera non appena il ministro per i Rapporti con il parlamento Vannino Chiti comincia a riferire sull’emergenza rifiuti. Dai banchi di Forza Italia Iole Santelli (Fi) grida nei confronti del ministro Chiti: "Ma che stai dicendo? Ma che stai dicendo?". Chiti, proprio in quel momento, stava spiegando che il presidente del Consiglio Romano Prodi non era potuto intervenire in aula perché ora "sta presiedendo una riunione con le Regioni" proprio sulla questione rifiuti. Ma non è solo la Santelli a gridare. Si alza anche un coro di "buhh!" quando Chiti fa il nome del premier per giustificarne, appunto, l’assenza nell’emiciclo di Montecitorio. Il più scalmanato di tutti, comunque, è il deputato de "La Destra" Teodoro Buontempo che, in piedi, quasi davanti ai banchi del Governo, grida contro Chiti agitandosi e indicando ripetutamente con l’indice della mano destra l’esponente del governo. "Se vuol fare strumentalizzazione politica - risponde Chiti a Buontempo - la faccia pure, ma sarebbe meglio che ci ascoltassimo almeno tra di noi...". Chiti riprende il suo intervento, mentre il presidente di turno dell’assemblea Pierluigi Castagnetti cerca di far tornare il silenzio in aula.

Bondi: "Clamoroso fallimento della sinistra in Campania" Il coordinatore nazionale di Forza Italia Sandro Bondi ha incontrato una delegazione di deputati e senatori azzurri campani per fare il punto sulla situazione che stanno vivendo Napoli e la Regione per l’emergenza rifiuti. "Una tragedia che è l’immagine, innanzitutto - dice il coordinatore regionale di Fi Nicola Cosentino - del clamoroso fallimento della classe politica del centrosinistra. Bondi ha assicurato pieno sostegno del partito alle iniziative messe in campo Forza Italia e dalla Cdl a livello locale e in particolare alla manifestazione di sabato pomeriggio a Napoli durante la quale il centrodestra unito sosterrà le richieste di dimissioni, avanzate dai gruppi consiliari, del presidente della regione Bassolino e del sindaco di Napoli Rosa Iervolino".