Rifiuti Doppio gioco del commissario Penati:

Aveva trenta giorni di tempo per garantire al Milanese l’autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti. Ultima spiaggia per Filippo Penati che, ieri, la Regione Lombardia aveva nominato commissario ad acta. Scelta seguita alla bocciatura del piano rifiuti che la maggioranza del presidente della Provincia aveva approvato senza applicare le prescrizioni imposte dalla Regione, «nonostante già ora 650mila tonnellate di rifiuti del Milanese vengono smaltite fuori provincia con un costo aggiuntivo a carico dei cittadini». Ma, sorpresa, a tempo record il commissario Penati «localizza come area per il nuovo termovalorizzatore l’intero territorio del parco sud» salvo, poi, affermare di essere «contrario» a questa realizzazione «nel parco sud». Niente male davvero, «il Penati double face non smette di stupirci» sostiene Fi: «Preannuncia persino mobilitazioni contro le sue decisioni».