Rifiuti, l’Italia alla sbarra Ue

Milano. La Commissione europea porta l’Italia davanti alla Corte di giustizia del Lussemburgo per l’emergenza spazzatura in Campania, e punta il dito con altrettanta decisione anche sul Lazio. In questo caso avverte che, in assenza di risposte adeguate, potrà chiedere che vengano inflitte multe. Nel deferimento per la situazione campana, i toni del commissario Ue all’ambiente Stavros Dimas non sono concilianti: «Le montagne di rifiuti non raccolti accumulatesi nelle strade della Campania illustrano emblematicamente le minacce per l’ambiente e la salute risultanti da una gestione inadeguata dei rifiuti». L’Ue riconosce gli sforzi, ma non ritiene adeguate le misure prese soprattutto nel lungo periodo. La Campania per Bruxelles è «lungi dal poter creare un sistema di gestione efficiente» e l’Italia si è mostrata «incapace di indicare un calendario chiaro» per uscire dall’emergenza.