Rifiuti, sì del cdm a decreto: abolite 3 discariche Trovate tre bombe a mano vicino a Cava Sari

Via libera al decreto legge per l'emergenza rifiuti: cancellate 3 discariche tra cui Cava Vitiello. Bersani va a Palazzo Chigi e dice: no all'affidamento dei termovalorizzatori alle Province. Maroni: &quot;Incontro irrituale, ma ho riferito al cdm&quot; Il Pdl: &quot;Il Pd non può dare lezioni&quot;. <strong><a href="/interni/rifiuti_bombe_mano_trovate_vicino_cava_sari_il_questore_sono_attacco_contro_noi/bomnbe_mano-cava_sari-terzigno-questore-rifiuti-attacco-polizia/18-11-2010/articolo-id=487893-page=0-comments=1">Trovati 3 ordigni vicino a Cava Sari
</a></strong>

Roma - Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera definitivo al decreto legge per l'emergenza dei rifiuti. Tra i provvedimenti la cancellazione del sito di Cava Vitiello dall'elenco delle località dove aprire nuove discariche: il sindaco di Terzigno, Domenico Auricchio, sventola il decreto legge approvato questa mattina dal Cdm "salvo intese" e annuncia che "la discarica di Cava Vitiello chiuderà", insieme, stando al testo del dl, a quelle previste a Serre (in provincia di Salerno) - località Valle della Masseria e Andretta (ad Avellino) - località Pero Spaccone. Inoltre, si legge sempre nel decreto, per garantire la prosecuzione delle attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti "le province della regione Campania, fino al 31 dicembre 2011, possono disporre la continuazione da parte delle amministrazioni comunali dell’attività gestoria".

Una visita inusuale In mattinata molti hanno strabuzzato gli occhi vedendo il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, varcare la soglia di palazzo Chigi. Un incontro per discutere qualche dettaglio sulla richiesta di sfiducia nei confronti del governo? O sul ministro Bondi? Niente di tutto ciò. Bersani si è recato nella sede del governo per parlare del problema dei rifiuti in Campania e illustrare, all'esecutivo, la "ricetta" del Pd. 

Bersani ascoltato da Maroni Il ministro dell’interno, Roberto Maroni, considera "irrituale"  il fatto che il segretario del Pd si sia presentato a palazzo Chigi per avanzare delle proposte in materia di rifiuti a Napoli: "E' irrituale, non so se mai è successo, ma noi siamo sempre pronti a cogliere buone proposte, è stato consentito anche questo". Maroni ha quindi assicurato di aver riferito le proposte dei democratici al governo riunito oggi e poi ha spiegato perché è toccato proprio a lui.

Un incontro casuale "È stato casuale, vorrei precisare che non c’è alcun collegamento tra me e Bersani - ha detto Maroni -. Ha parlato con me perché mi trovavo lì, l’ho incontrato, gli ho chiesto cosa fai qua e lui mi ha chiesto di riferire in cdm le sue valutazioni circa il problema dei rifiuti a Napoli. E io l’ho fatto".

Il segretario del Pd No all’affidamento dei termovalorizzatori in Campania alle amministrazioni provinciali. È quanto Bersani è andato a dire al governo. È lo stesso segretario del Pd a spiegare le ragioni della sua apparizione nella sede dell’esecutivo. "Ho messo in guardia rispetto ad una scelta che mi sembra si stia facendo, ovvero quella di affidare alle amministrazioni provinciali la realizzazione dei termovalorizzatori", ha spiegato il segretario Pd lasciando palazzo Chigi. Il segretario del Pd ha annunciato una proposta del suo partito sui rifiuti in Campania, assicurando che "il Comune di Salerno è perfettamente in grado di realizzare il termovalorizzatore". Quella della provincializzazione degli impianti, ha concluso, "non è la strada per uscire dall’emergenza e ritornare nella legalità".

Il Pdl: Bersani non può dare lezioni al governo "Bersani non è certo in grado di dare lezioni al governo in materia di emergenza rifiuti. Ricordiamo al segretario del Pd che la Campania paga ancora oggi le dure conseguenze dei disastri prodotti prima da Bassolino in lunghi anni di inerzia e di sperpero di risorse pubbliche, ed oggi dalla Iervolino". Lo affermano in una nota congiunta i capigruppo parlamentari del Pdl al Senato e alla Camera, Maurizio Gasparri e Fabrizio Cicchitto. "È competenza di chi gestisce il territorio la raccolta ed il trattamento dei rifiuti. Ha fatto bene il governo - osservano Cicchitto e Gasparri - a disporre un ulteriore intervento per fronteggiare l’emergenza della Campania. E rileviamo come le amministrazioni di centrodestra siano scese in campo con una determinazione ben diversa da quelle care a Bersani. Il provvedimento varato dal governo, infatti, fa salvi gli atti compiuti dalle amministrazioni locali. E noi sottolineiamo, ad esempio, l’importanza del bando per il nuovo termovalorizzatore di cui si è occupata con tempestività ed efficacia la nuova amministrazione provinciale di centrodestra di Salerno, da poco eletta. Saremo quindi accanto al presidente della regione ed a tutti gli amministratori locali per sostenere misure indispensabili per la realizzazione dei nuovi impianti. La nota della Presidenza del Consiglio - concludono Gasparri e Cicchitto - chiarisce poi in modo evidente l’importanza dell’accordo regione-province".