Rifiuti, il servizio verso la normalità

Il servizio di raccolta dei rifiuti nella capitale, dopo lo sciopero nazionale di martedì scorso, proclamato dalle organizzazioni sindacali del comparto di igiene ambientale per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro, sta gradualmente tornando alla normalità in tutta la città. Giri supplementari di raccolta su tutti e tre i turni giornalieri di lavoro erano stati già programmati e pianificati in anticipo dall’Ama e pertanto l’accumulo inevitabile di scarti da utenze domestiche e non domestiche dovuto al blocco del servizio su scala nazionale, grazie allo sforzo organizzativo dell’azienda e all’impegno massimo dei lavoratori, in alcune aree sta diminuendo, in altre ieri mattina risultava già azzerato. Ogni giorno l’Ama raccoglie circa 4mila tonnellate di rifiuti solidi urbani in tutta Roma con una capacità di recupero, in situazioni straordinarie, di un ulteriore 50 per cento di raccolta, cioè fino a 6mila tonnellate al giorno. Lunedì scorso, a causa dello stato di agitazione e delle assemblee pre-sciopero, sono state raccolte 2.500 tonnellate, martedì soltanto 500.