RIFIUTO & RIFIUTI

Ho letto con interesse l'articolo di Erika Falone sul depuratore e il fatto che i quartieri rossi votino a sinistra nonostante tutte le proteste. Credo che se anche dai depuratori uscissero acque dolci per l'allevamento dei piranhas o dei coccodrilli ed i bagnanti dovessero starsene a casa, magari dopo aver pagato cabina, ombrellone e sdraio/lettino... al momento delle elezioni del 2007, gli stessi che oggi protestano, voteranno il sostituto di Pericu senza nè alcun sondaggione dover interpellare il mago do Nascimiento.
Se oggi gli amministratori girassero per le strade dove c'è il profumo del depuratore di Cornigliano e prendessero a calci nel sedere i contestatori... nessun problema... al momento del voto tutti compatti sugli stessi eterni nomi!
Credo che siamo ad un fenomeno di «Mitridizzazione» degno di una ricerca di Sociologia o di una tesi di laurea... fatta ovviamente da studenti e docenti di altre regioni perché se si fa un lavoro «Intra-moenia»... vedrebbe luce la solita filastrocca!
Inceneritore.
Visto che il problema dei rifiuti esiste, visto che dal Governo al Comune ci sono amministratori dello stesso schieramento... occorre che decidano che cosa fare... ed in fretta!
Come noto un referendum proposto dai moderati è una perdita di tempo...
Meglio è vedere come gli amministratori porteranno avanti il progetto tenendo conto che dal 1.7.06 gli appalti pubblici dovranno seguire le regole del Decreto Legge 163/2006 e poi occorre sapere chi sarà il gestore dell'impianto e quali programmi di manutenzione programmata intenda seguire.
Vista l'esperienza dei depuratori negli anni ’70 quando il Comune ha appaltato impianti che in pochi anni sono diventati ammassi di ruggine perché:
- la manutenzione programmata.... è stata fatta in modo incompleto
- il controllo qualità sul macchinario principale in fase di ordine, ispezioni in fabbrica, collaudi, ispezioni in sito prima dell'accettazione... forse è stato eseguito in modo non molto meticoloso perché certi componenti o sono in acciaio speciale oppure sono destinati a diventare un... relitto di mare.
Stando così le cose... non resta che scoperchiare uno alla volta i depuratori e rifare ex novo tutto l'impianto con criteri di assegnazione dell'appalto ben diversi da quelli «storici» del prezzo più basso o del ribasso a due cifre.
Responsabilita' degli enti locali sia che si tratti del Comune di Genova,della Provincia tramite gli ATO, della Regione o del solito, «mitico» Stato, il problema rifiuti esiste e va affrontato al più presto; gli amministratori devono prendersi le loro responsabilità e... basta sempre rivolgersi al «mitico popolo sovrano» che... come sempre o dirà NO oppure... più cortesemente Nimby... magari dopo aver ascoltato le «fesserie tecnologiche» di Beppe Grillo che.... farà anche ridere ma ormai è da pensionare perché le sue battute che andavano bene ai tempi dei Socialisti (quelli di Craxi senior non quelli di oggi con lo scialbo Boselli e l'inconsistente Bobo)... risalgono a vent'anni fa ed in vent'anni il mondo è cambiato anche per Beppe Grillo che ha fatto i soldi grazie ai «tonni» sia diretti e cioè coloro che vanno agli spettacoli sia indiretti via TV... che pagano ora il biglietto ora il canone TV per sentire le sue banalità... sempre più insulse.
Conclusioni. Vediamo che cosa sapranno fare i nostri amministratori che, purtroppo per noi moderati, sanno che comunque saranno rivoltati e forse rieletti senza che ci sia da parte del cittadino-elettore una valutazione dei meriti e dei demeriti; sanno di avere ancora per lungo tempo una cambiale in bianco!
Qualcuno potrebbe dire che dobbiamo rassegnarci e temo che sarà così fino a quando i «tronconi» moderati anziché viaggiare in ordine sparso come i tronchi di abete sul fiume Piave si uniranno per fare un «ponte fluviale» su cui far passare una lista moderata chiara e senza le «idiozie politiche» (raccattare voti dall'altra parte-rif. Cornigliano...) di Biasotti!
Per il resto... vedremo le Comunali del 2007!