Rifondazione boicotta il voto in Provincia

E infine il centrosinistra ligure si spaccò anche sulla politica internazionale. La fiaccolata romana indetta dal «Foglio» di Giuliano Ferrara per esprimere solidarietà a Isralele dopo gli attacchi del presidente iraniano Ahmadinejad divide e contorce le coscienze. Il sindaco Giuseppe Pericu e i presidenti di Regione e provincia Claudio Burlando e Alessandro Repetto hanno dato la propria adesione personale decisa. Tutti gli altri hanno litigato fino all’ultimo. L’assessore regionale Enrico Vesco, Comunisti italiani, ha condannato le parole di Ahmadinejad, ma ha definito la fiaccolata davanti all’ambasciata iraniana a Roma «una parata figlia dell’unilateralismo cui ritengo sbagliato partecipare». In Provincia è accaduto di peggio. Se la giunta ha approvato l’adesione alla manifestazione a maggioranza e con il no di Rifondazione comunista, il consiglio non è riuscito a esprimersi, come hanno denuncia il centrodestra: «Appellandosi a un cavillo regolamentare contro consuetudini consolidate, Rifondazione ha impedito l’approvazione dell’ordine del giorno di adesione».