Rifondazione domina la Val Bisagno

Si chiama Agostino Gianelli è di Rifondazione comunista e ha raccolto il 58,14 per cento dei consensi in Val Bisagno: è lui, il nuovo presidente dell'ex 4a circoscrizione, che eredita dal diessino Giacomo Santo Musso, la poltrona di sindaco di Struppa, Molassana e Staglieno.
Accetta così molto volentieri la nuova postazione in via Molassana 71, scontentando il suo rivale politico, Domenico Morabito di Alleanza nazionale. Inevitabile il richiamo anche in questa parte della città al crollo dei votanti; solo il 60,04 per cento dei residenti - tra vento e acqua a catinelle - si è presentato nelle 63 sezioni elettorali durante la due giorni-elettorale. La sfida in questa parte della città che non manca di problemi quali il traffico, la mancanza di spazi verdi, le carenze dei mezzi dei trasporti ha fatto sentire il suo peso in termini di voto.
«Speriamo che le cose cambino - dichiarano alcuni consiglieri della vecchia opposizione -, abbiamo poteri più ampi e opportunità diverse. E' lecito chiedersi e chiedere che le nuove forze vengano impiegate nel migliore dei modi, non come accadeva in passato dove si rischiava di dormire sui banchi durante le sedute».