Rifondazione: "Nuovi alleati, perché no?"

Roma - Via libera da Rifondazione comunista a un eventuale allargamento della maggioranza a singoli parlamentari, ma ad un condizione: la piena adesione al programma dell'Unione. "Noi siamo favorevoli ad un rafforzamento - spiega il capogruppo Prc alla Camera, Gennaro Migliore - anche con alcune aggiunte eventuali sulla base di questo programma, perché questo è stato il mandato degli elettori". Dunque Rifondazione non si metterà di traverso se, come sembra, potrebbe esserci la possibilità di ampliare la maggioranza ad esponenti centristi come Marco Follini o Raffaele Lombardo. "Tutti i voti aggiuntivi che possano dare stabilità saranno un servizio al Paese", aggiunge Migliore.

Ferrero "Siamo favorevoli alla prosecuzione dell'esperienza del governo Prodi, e a che la maggioranza si ritrovi sulla base del programma con cui ha vinto le elezioni". Lo ha detto il ministro della Solidarietà sociale, Paolo Ferrero. "Mi auguro una soluzione positiva perché bisogna proseguire un lavoro rimasto a metà". Sulle ipotesi di un ampliamento della maggioranza, Ferrero ha affermato che "abbiamo sempre sostenuto la necessità che la coalizione resti unita. Ma non abbiamo preclusioni rispetto ad un eventuale allargamento della maggioranza".