Il Riformista inventa la "pagina ombra"

Un'intera pagina di notizie rigorosamente false: una sorta di "sabato del villaggio". L'editoriale: "E' una prima pagina-ombra, oggi va di moda e non
abbiamo voluto essere da meno. Tutto falso, ma ahinoi
verosimile"

Roma - D’Alema che cita il "pensiero positivo" di Jovanotti; le anticipazioni del nuovo best-seller del ministro Tremonti "L’impero delle banche", che tra le proposte per ridistribuire i profitti bancari menziona anche "quella di calarsi il passamontagna ed entrare in filiale"; una lettera aperta di Veltroni a Berlusconi che minaccia di interrompere la "pax politica". Niente di tutto questo però è vero: è uno scherzo del Riformista, oggi in edicola, che inventa la "pagina ombra", come si legge nel colonnino di spalla.

Che c’è qualcosa che non va lo si capisce già dalla testata, "ombra" un po' sfumata e inclinata di quella tradizionale in arancione con l’omino che guarda in alto con il cannocchiale. Seguono gli articoli. "È il nostro sabato del villaggio - spiega l’editoriale - Diciamo che questa è una prima pagina-ombra, oggi va di moda e non abbiamo voluto essere da meno. Tutto falso, ma ahinoi verosimile". "Del resto - avverte il Riformista - nella prima pagina vera, quella che trovate voltando pagina, ci sono notizie vere che appena qualche mese o anno fa sarebbero apparse satiriche. Per esempio: un governatore della Banca d’Italia rinviato a giudizio per aggiotaggio. Oppure l’Italia che torna al nucleare. Chissà se le notizie false che pubblichiamo oggi non si riveleranno un giorno vere".