Rifugio nerazzurro per Ronie assediato

Milano. Ronaldo fa sempre notizia. Anche se Galliani protesta. Assediato da fotografi, cineoperatori e tifosi a caccia di autografi e foto col cellulare, trascorre il suo primo giorno di libertà milanese con suo figlio Ronald in centro. Dove viene intercettato dal serpentone di fotografi impegnati nelle sfilate di moda. Ronaldo e suo figlio Ronald trovano rifugio nel bar Cova di via Montenapoleone (proprietario interista), poi sfiorano la sede degli uffici di Moratti, quindi chiedono aiuto a Leonardo per trovare rifugio in una vettura spedita dalla sede di via Turati.