Rimborsi per gli errati conteggi Ici: An chiede anche gli interessi legali

La civica amministrazione rimborsi ai genovesi le somme pagate in più a causa degli errati importi calcolati dal Comune stesso per l’Ici, oltre agli interessi legali maturati dalla data del pagamento dell’imposta. A chiederlo è Gianni Bernabò Brea, capogruppo di An in consiglio comunale, con un’interrogazione urgente al sindaco Pericu.
In particolare Brea fa osservare che sono numerosi i cittadini che avevano presentato, con esito positivo, ricorso per l’Ici pagata in più per gli anni dal 1993 ad annualità successive. In seguito alle decisioni favorevoli della Commissione tributaria, gli interessati hanno presentato domanda di rimborso di quanto avevano versato in più e non dovuto. Inoltre, nelle stesse domande erano stati richiesti anche gli interessi di legge.
Tuttavia, nonostante il palese errore della civica amministrazione, la stessa ha riconosciuto unicamente gli interessi maturati dalla data di presentazione dell’istanza e non dalle date di pagamento dell’Ici.
Sempre secondo l’esponente di An, la Direzione Tributi avrebbe ritenuto «di dover applicare il disposto dell’articolo 2033 comma 2 del Codice Civile sulla ripetizione dell’indebito».
A questo punto, Bernabò Brea interroga Pericu «per conoscere se non si ritenga equo riconoscere ai ricorrenti anche l’ammontare degli interessi legali maturati dalla data del pagamento dell’imposta, poiché il versamento dell’importo superiore al dovuto trae origine da una erronea valutazione della civica amministrazione e non già da un errore dei contribuenti».
Vedremo quel che risponderà il sindaco.