Rimpasto Lotta dura alle auto in doppia fila

Lotta dura alla sosta «in doppia o triplice fila». Il giorno dopo aver sommato ai compiti da vicesindaco e assessore alla Sicurezza anche quello di governare il traffico della città, Riccardo De Corato detta la linea. Che non si traduce per forza «con una stangata», tranquillizza. Ma «più vigili sulle strade scoraggiano gli automobilisti dal fare i furbi, il risultato dovrebbe essere quello di un minore numero di multe». Chiede ai milanesi di partecipare, come «sentinelle» anti-traffico, segnalando le situazioni più critiche. Tra i suoi obiettivi c’è anche quello di velocizzare i tempi dei cantieri stradali e di sgombrare dal centro i jumbo tram, che tanti problemi danno alla circolazione («non ha senso avere in vie strette come Broletto dei vagoni ferroviari»). Verranno sostituiti con mezzi meno ingombranti. Sull’estensione del gratta e sosta fuori dal centro, avanti sulla strada avviata dal collega Edoardo Croci. L’assessore alla Mobilità «ridimensionato» nel suo ruolo fa buon viso a cattivo gioco. Assicura «piena collaborazione, nei prossimi giorni incontrerò De Corato per concordare insieme le soluzioni operative». Le nuove funzioni di controllo attribuite al vicesindaco «sono un’opportunità per rendere più efficaci le misure intraprese messe in campo per migliorare il traffico».