«Rincari, pronti al piano blocca-prezzi»

Lotta al caro prezzi, Milano si prepara a nuove iniziative. Il governo potrebbe infatti convocare i rappresentanti della grande distribuzione per ripetere quanto fatto un anno fa, al rientro dalle vacanze: bloccare i prezzi di prodotti alimentari di largo consumo per alcuni mesi. «Se le condizioni restano quelle attuali, c’è la possibilità di ripetere l’esperienza», spiega Aldo Soldi, presidente di Coop Italia. Nella grande distribuzione, però, si ricorda che «i listini sono fermi da mesi», e che «il problema per le famiglie sono i rincari di servizi e tariffe». «L’accordo, però, potrebbe scongiurare aumenti futuri», ribatte Roberto Predolin, assessore comunale al Commercio. Che annuncia: «All’inizio di settembre riunirò tutte le categorie di commercianti. Se si capirà che sono all’orizzonte rincari, riproporremo le iniziative di “Milano convenienza”, come i menù a prezzo bloccato in bar e ristoranti». La grande distribuzione, in cambio del blocco dei prezzi, chiede al governo più flessibilità negli orari di apertura e di poter vendere farmaci e benzina. «Ma le concessioni non possono andare a danno dei piccoli», avverte Renato Borghi, vice presidente dell’Unione del commercio.