Rinnovamento

BarcellonaLa bufera imperversa, specie negli Stati Uniti, ma non rallenta quanto programmato da tempo anche se, inevitabilmente, il lancio di un nuovo modello in un momento simile crea qualche problema. Ma in Europa, e soprattutto in Italia, le strategie messe in cantiere da Toyota per risolvere i problemi che generano il richiamo in officina di molti modelli danno modo di chiarire che si sta lavorando in fretta. Da noi, per esempio, Toyota Italia ha attivato un numero verde (800869682) attivo sette giorni su sette, al pari di tutte le officine della rete d’assistenza presso le quali si devono recare i possessori dei modelli interessati per risolvere i problemi che hanno scatenato i richiami. Riguardano oltre 260mila vendute in Italia e Toyota intende completarli entro la prima parte di aprile. Ma non è tutto, poiché per essere certi della tempestività con cui i clienti vengono informati dell’operazione, è stato scelto di affidarsi a un servizio di corriere espresso.
La nuova generazione di Auris arriva, quindi, in un momento davvero particolare per il primo gruppo automobilistico mondiale.
Ma passiamo al nuovo modello che si distacca da quello venduto sinora a livello di look e allestimento interno, motori e definizione della gamma. Sarà venduto da metà marzo a prezzi che partiranno (indicativamente) da 15mila euro e si articolerà nelle versioni scaturite tra due allestimenti - normale e Sol - e quattro motori. Due sono a benzina, ovvero il 1.3 Vvt-i da 99 cv e il 1.600 Valvematic da 132 cv, e gli altri sono turbodiesel con filtro per il particolato della serie D-4D: il 1.400 da 90 cv e il 2.0 con 126 cv. Di primo acchito potrebbero sembrare quelli della generazione precedente, ma in realtà sono nuovi poiché espressione della tecnologia Optimal Drive che, attraverso l’ottimizzazione della combustione, insieme alla riduzione del peso e all’impiego sia di avanzate soluzioni strutturali sia del dispositivo Start&Stop, decreta una riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2 senza imporre sacrifici sul fronte del rendimento e, quindi, della gradevolezza di guida.
Sotto a vesti rinnovate soprattutto davanti e dietro, che conferiscono alla linea una personalità più marcata rispetto a quella del modello precedente, la versione 1.3 cela il motore che da qualche mese equipaggia le iQ e Yaris più potenti, che sono tuttavia più piccole e leggere di Auris. Anche in questo caso il connubio appare, però, riuscito. Infatti, sebbene non intenda premiare più di tanto le prestazioni (la velocità s’attesta a 175 orari e le accelerazioni sino a 100 orari avvengono in 13,5 secondi) non delude sul fronte dell’istintività della guida grazie alla fluidità dell’erogazione e, soprattutto, assicura percorrenze medie di tutti rispetto: oltre 17 chilometri con un litro di benzina.
La ridefinizione del set-up dell’assetto e della taratura dello sterzo contribuiscono a completare il quadro dei rinnovamenti da cui scaturisce l’Auris 2010 e si riflettono positivamente sulla facilità della guida.