Riparte da Cortina l’appello alle banche: «Fuori i soldi»

Gli hotel sono zeppi e per trovar posto in un ristorante di questi tempi ti devi raccomandare. Però, si dice, il denaro non gira. È vero, ormai si spende sempre meno in auto e ristrutturazioni, termometro dell’economia del Paese. L’italiano, ai tempi della crisi mondiale senza certezze, torna a mettere i soldi sotto il materasso. Come una volta, quando si era tutti poveri. E questo sta diventando un problema. Se ne è discusso ieri a Cortina, in uno degli affollati forum all’AudiPalace.
Antonio Vigni, direttore generale del Monte dei Paschi di Siena manda un messaggio agli italiani, terrorizzati risparmiatori: «In questo momento sconsiglio vivamente di avventurarsi in operazioni finanziarie». Siamo a crescita zero, i capisaldi crollano come le certezze, ma le banche italiane sono sempre in prima linea quanto a rapporto con la clientela. «Che - continua Vigni - deve avere fiducia in noi che, nonostante la crisi, continuiamo a finanziare le piccole imprese più che in altri paesi d’Europa. Però voglio mandare un messaggio ai giovani imprenditori che si rivolgono a noi: devono avere più coraggio nello spiegare il loro progetto futuro, se c’è. Ora, con i soldi più cari, ci vogliono salde certezze, quelle che hanno avuto le grandi aziende che hanno sfondato».
Si parla sempre di una Italia ferma a tante piccole aziende a conduzione familiare, una via tutta nostra che da sei anni ha un saldo attivo quanto all’export. Almeno quello va bene: «Le esportazioni - sostiene Riccardo Bruno di Clessidra - sono la chiave di volta per la salvezza della nostra economia». Non è d’accordo l’editorialista Franco Debenedetti: «L’Europa è un sistema bancocentrico, se falliscono le banche fallisce l’Europa, altro che export in attivo. Inoltre, capisco le banche: fare prestiti in questo periodo è rischioso». Ribatte Alberto Tripi, presidente di Almaviva: «Già, ma se le banche non danno prestiti le aziende chiudono, penso in particolare a quelle che si occupano di servizi». Poi lancia un messaggio a Vigni: «Investite meno in cose strane e più nelle imprese». Il dibattito ha come titolo «Fuori i soldi», ma chi è che li deve tirar fuori? «Vince solo il sistema Paese - sostiene Mario Guidi, presidente di Confagricoltura - non sono solo le banche o i cittadini che devono sacrificarsi». Peccato, non c’è più tempo per l’inevitabile dibattito politico.