Riparte la «movida» milanese E a dettare la linea è il Gattopardo

Iniziano le aperture dei locali glamour milanesi, quelli dedicati al lusso e all’eleganza, che tornano ad animare la «Milano by night», come il Gattopardo café che rievoca alla mente fasti di viscontiana memoria e suggestive atmosfere borboniche (Il Gattopardo café, via Piero della Francesca 47, tel. 02-34537699; www.ilgattopardocafe.it): riapre giovedì 6 settembre, proponendo agli amanti del bien vivre e del divertimento la sua scenografica location, nata dal restauro di una chiesa sconsacrata dei primi del Novecento, dedicata a San Giuseppe alla Pace.
La festa partirà dalle 18.30, tra raffinato buffet e deliziosi assaggi finger food, in linea con il trend del momento, accompagnati dalle note del repertorio internazionale degli Oxxxa, carismatica cover band che intratterrà, rigorosamente dal vivo, il pubblico fino alle 22. Le danze, invece, si apriranno alle 23, con la dj resident londinese Linette, che darà ufficialmente avvio alla notte dalla sua privilegiata posizione, la consolle posta proprio sopra l’altare. Saranno le sonorità di musica house, RnB e commerciale a scandire la serata-evento, i barman saranno in livrea e lusso ed eleganza saranno celebrati in tutte le forme, tra lo splendido lampadario di cristallo, bar-altare restaurato, una giovane funambola, che, da 13 metri di altezza, eseguirà coreografiche evoluzioni di rara bellezza.
Il party è anche un’anticipazione della festa per il sesto compleanno del locale, che si terrà il 13 settembre dalle 18.30 con aperitivo danzante e proseguirà sino alle prime luci dell’alba.
Spazio polifunzionale ricco di fascino, di proprietà dell’imprenditore Pino Scalise, il Gattopardo café, negli anni, ha dato nuova forza e fantasia all’entertainment delle notti milanesi. Frutto di un amore per il dettaglio e di una passione sfrenata per il lungometraggio di Luchino Visconti, ha un’eleganza senza tempo, conferita da una quantità di piccoli particolari, come il suo simbolo privilegiato, il maestoso lampadario che troneggia sulla dancefloor, ben 65.000 cristalli a goccia che, grazie a un sistema di scanner computerizzati, cambiano nuance e toni di colore.
Il restauro conservativo della chiesa non ha alterato le caratteristiche originarie dell’ambiente, ben si amalgama ai dettagli e tutto garantisce una location a forte impatto emozionale, adatta ad ospitare i più eleganti eventi mondani. A essere completamene assente, invece, è il privè, poiché tutto il locale è un posto esclusivo e tutti vengono accolti con un trattamento esclusivo.