Riposa la Milano ovale, sogna l’Olimpia dai 2 volti

Una domenica di grandi scontri agonistici attende le formazioni milanesi impegnate sotto rete, a canestro e sul ghiaccio per difendere i colori meneghini nei campionati di volley femminile, basket e hockey ghiaccio, mentre l'Amatori Rugby non gioca per la pausa in occasione dell'inizio del Sei Nazioni.
Tre impegni, ma uno solo a Milano. Quello che vedrà la Eldo Caserta far visita all'Armani Jeans, rientrata giovedì notte da Danzica dopo la vittoria alla Gdynia Sports Arena contro il Prokom Sopot in Eurolega. Missione non impossibile per i biancorossi di coach Bucchi, che dopo l'ennesimo ko in campionato (9 in 17 gare), patito domenica scorsa a Bologna contro la Virtus, dovranno riuscire a confermare anche in Italia quanto di buono stanno facendo sui parquet europei. La gara contro Caserta assume un sapore particolare, non tanto per la presenza sulla panchina campana del milanesissimo Fabrizio Frates o per i tre ex in maglia bianconera (Andrea Michelori, James Larranaga e Fabio Di Bella) quanto perché, dopo tanti anni, torna a Milano una sfida che a cavallo tra anni '80 e '90 valse per tre volte la finale tricolore.
Dal Mediolanum Forum di Assago il menù domenicale delle formazioni milanesi ci porta al Palafonte di Roma, che vedrà impegnate le ragazze dell'Original Marines contro le giallorosse della Di.Ra.LAb per la quinta giornata del girone di ritorno di A2. Le milanesi sono seconde in classifica e in piena corsa per la promozione diretta in A1 - la vetta è distante solo due punti - e non vogliono lasciarsi sfuggire l'occasione di continuare la cavalcata verso l'alto contro una formazione decisamente alla loro portata. Le capitoline sono infatti reduci da due sconfitte consecutive, mentre le rossonere arrivano a Roma sulla scia dell'entusiasmante vittoria del derby d'alta classifica contro Villa Cortese. Un successo che ha dato tanta energia a tutto il gruppo, come conferma alla vigilia della trasferta coach Napolitano: «In settimana abbiamo lavorato con grande intensità, puntando l'obiettivo tre punti contro avversarie che non possiamo permetterci di sottovalutare».
Lusso che, in contemporanea con la gara di Roma ma spostandoci qualche centinaio di chilometri più a nord, non potrà certamente concedersi la formazione allenata da Adolf Insam. L'Hockey Club Milano è attesa infatti in Alto Adige sul ghiaccio della Raiffasen Arena da un match proibitivo contro l'Egna Riwega, formazione che viene da tre successi consecutivi e che guarda i rossoblù dall'alto dei 22 punti di distacco in classifica. I milanesi dovranno però mettercela tutta perché, a sole tre giornate dal termine della regular season, l'obiettivo di una qualificazione ai playoff - traguardo quasi tabù a inizio stagione - è praticamente a portata di mano. Per la giovanissima formazione sorta dalle ceneri dei gloriosi Vipers, basta infatti difendere i 5 punti che la separano in classifica da Varese e Torino per agguantare uno degli ultimi due posti disponibili.