Riprende il braccio di ferro su Sea

Dopo la batosta del Consiglio di Stato sulla privatizzazione delle farmacie comunali, Palazzo Marino si prepara a ricominciare in aula consiliare un’altra battaglia, quella sulla vendita del 33 per cento delle quote Sea, la società che gestisce gli aeroporti di Linate e Malpensa. L’appuntamento è per lunedì 12 settembre, prima seduta del consiglio comunale che riprenderà la discussione, interrotta prima delle ferie estive con la richiesta a Mediobanca di una perizia giurata sul prezzo a base d’asta. Che, è l’accordo raggiunto tra maggioranza e opposizione, non dovrà comunque essere inferiore a 600 milioni di euro. «Appena avremo la relazione di Mediobanca, che io sono convinto confermerà il valore che la giunta aveva dato all'operazione, già con qualche seduta del consiglio saremo in grado di chiudere la vicenda Sea», afferma con un certo ottimismo il vicesindaco Riccardo De Corato.