Rischio terrorismo, Dakar annullata

Lo storico raid, che doveva partire sabato da Lisbona, cancellato dagli organizzatori per problemi di sicurezza in Mauritania: dove, a dicembre, sono stati uccisi 4 francesi. E' la prima volta dal 1979

Parigi - Il trentesima edizione della Dakar, che sarebbe dovuta partire sabato da Lisbona, è stata annullata per ragioni di sicurezza. Lo ha annunciato Daniel Bilalian, direttore dello sport di France-Télévisions, sulla radio Europe-1. Una "comunicazione eccezionale", sancirà l’annullamento della Dakar 2008, emessa dagli organizzatori, l’Amaury Sport Organization (Aso). Si tratta della prima cancellazione nella storia della corsa dal 1979, anno della prima edizione. Ieri il governo francese aveva "sconsigliato fortemente" i francesi, turisti, spettatori e piloti, di recarsi in Mauritania in seguito all’assassinio di quattro francesi avvenuto alla fine di dicembre.

Mauritania pericolosa Otto tappe del rally si sarebbero dovute disputare in Mauritania, paese considerato a rischio dopo l’assassinio di quattro francesi il 24 dicembre, in un attacco attribuito dalle autorità locali a militanti del ramo di Al Qaida nel Magreb islamico. "È un duro colpo" ha commentato Daniel Bilalian, il direttore dello sport della televisione pubblica che avrebbe dovuto trasmettere l’evento. Bilalian ha giudicato la decisione "oculata" da parte della Amaury Sport Organization, che non ha ancora confermato la cancellazione della corsa. "Il rischio esiste, gli avvertimenti sono stati dati, se dovesse accadere la minima cosa, il minimo incidente, in Mauritania, sarà messa in discussione tutta la credibilità dell’Aso e questo l’Aso non so lo può permettere. Mi dispiace per loro, per noi e per i telespettatori".