Riso record grazie alla speculazione

Continua la corsa dei prezzi delle materie prime alimentari con quelli del riso che continuano a toccare nuovi record (24,30 dollari per cento libre, più 4,3% rispetto a giovedì). Un andamento che riflette i timori di un restringimento dell’offerta, come conseguenza fra l’altro dei vincoli all’export da parte di Paesi come Cina e Vietnam ma che, ormai da più parti, viene attribuito anche a manovre speculative. Oro in deciso ribasso al fixing londinese dove ha chiuso a 908,75 dollari rispetto ai 946 di giovedì.