«Per risparmiare fate la spesa dai coltivatori»

Il consiglio arriva dalla Coldiretti: «Contro il caro vita torniamo a fare la spesa in cascina e negli spacci agricoli». I prezzi all’origine dei prodotti agricoli, ricordano i coltivatori, sono scesi nei primi sei mesi dell’anno di oltre il 7 per cento. «Se il consumatore non se ne è accorto è per colpa dei tanti passaggi (e quindi rincari) che la merce subisce», aggiungono. Da qui il suggerimento: rifornirsi dal produttore.
Fra Milano e Lodi sono 80 i punti vendita gestiti dagli agricoltori: 14 nel Lodigiano, 3 nella zona di Melegnano (Cerro, Mediglia e Tribiano), 10 nell'Abbiatense (a Ponte Calvignasco, Abbiategrasso, Gaggiano, Zibido San Giacomo, Motta Visconti e Rosate), 9 nella zona di Cuggiono (Inveruno, Parabiago, Robecchetto con Induno, Cuggiono, Castano Primo, Cerro Maggiore e Legnano), altrettanti a Melzo (a Pessano con Bornago, Melzo, Gessate, Cassano, Liscate e Settala), una dozzina attorno a Monza (a Besana Brianza, Cernusco, Albiate, Camparada, Desio e Lazzate), una decina nell'area di Vimercate (Mezzago, Burago Molgora, Oreno, Sulbiate, Usmate, Trezzo sull'Adda, Concorezzo e Roncello), 4 nella zona di Rho (a Vanzago, Pogliano Milanese e Lainate) e 7 a ridosso di Milano (Locate Triulzi e Opera). Si possono comprare carne, uova, formaggi, frutta, verdura, salumi, miele, riso, farina di mais per polenta, polli, olio extravergine, conigli e anche piante aromatiche. In città si possono trovare nelle vie Fratelli Rizzardi 15 (si vende carne), Barona 111 (riso), Rutilia 25 (miele), Airaghi 49 (carne) e Grassi 74 (uova). «Il modo migliore - ricorda Carlo Franciosi, presidente della Coldiretti di Milano e Lodi - per battere il caro vita».