Risparmiatori in fuga dai Fondi A dicembre nuovi disinvestimenti

I dati preliminari di Assogestioni, l’associazione di categoria italiana delle società di gestione del risparmio, sull’andamento del settore dei Fondi nel corso del mese di dicembre evidenziano flussi di raccolta in flessione, l’ industria del risparmio gestito registra disinvestimenti per 9,5 miliardi di euro: 5,9 miliardi in uscita dalle Gestioni collettive e 3,6 miliardi dalle Gestioni di portafoglio. Nell’ambito delle gestioni collettive, è positiva e pari a 641 milioni la raccolta dei Fondi chiusi. I Fondi aperti riportano flussi in uscita per 6,5 miliardi e un patrimonio di 419 miliardi, il 64% dei quali (267 miliardi) è investito in Fondi di diritto estero. Il risultato mensile di dicembre è peggiore, per circa un miliardo, a quello registrato a novembre (-8,489 miliardi) e porta il saldo complessivo dell’intero 2011 della raccolta dei fondi d’investimento in Italia a meno 40,8 miliardi: di questi, -30,7 miliardi, fanno capo alle gestioni collettive mentre i rimanenti -10,1 miliardi si riferiscono alle gestioni di portafoglio.
Alla fine del 2011, gli asset totali fotografati da Assogestioni, superano abbondantemente i 937 miliardi di euro, in aumento dell’1,2% rispetto ai dati di fine novembre: 476 investiti in Gestioni di Portafoglio (51%) e 461 in Gestioni collettive (49%). Osservando le dinamiche relative alle diverse principali tipologie di fondi aperti, si può notare che a dicembre nessuna macro-categoria può vantare una raccolta mensile positiva: dagli azionari (-511 milioni) ai bilanciati (-353 milioni), dagli obbligazionari (-2.265 milioni) ai flessibili (-1.238 milioni), dagli hedge fund (-182 milioni) ai fondi monetari (-1.889 milioni) sono tutti in territorio negativo. Stesso discorso anche aggregando i dati di tutto il 2011: la graduatoria della raccolta negativa annuale vede in testa i fondi monetari (-12,9 miliardi), seguiti dai monetari (-8,9 miliardi), dagli azionari (-4,1), dai flessibili (-3,9 miliardi), dagli hedge (-1,9 miliardi) e dai bilanciati (-1,6 miliardi).