Risparmio di energia sugli edifici esistenti

La legge finanziaria 2007 prevede numerose agevolazioni tributarie per alcuni interventi per ottenere il risparmio energetico negli edifici, in particolare:
la riqualificazione energetica di edifici esistenti;
il miglioramento dell'isolamento di strutture opache e trasparenti;
l'installazione di pannelli solari, la sostituzione di impianti di riscaldamento.
L'agevolazione consiste in una detrazione d'imposta lorda pari al 55% degli importi a carico del contribuente, comprese le spese per la certificazione energetica oppure per l'attestato di qualificazione energetica dell'edificio, delle spese documentate sostenute entro il 31 dicembre 2007, da ripartire in tre quote annuali di pari importo, per un valore massimo variabile in funzione del tipo di intervento eseguito.
Le tipologie di intervento previste sono:
La riqualificazione energetica di edifici esistenti che conseguano un fabbisogno di energia annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% con un massimo della detrazione non superiore a 100.000 euro;
Gli interventi su edifici esistenti, loro parti o su unità immobiliari, che riguardino il miglioramento delle caratteristiche termiche delle strutture opache verticali, delle strutture opache orizzontali superiori ed inferiori, delle finestre comprensive di infissi con un valore massimo della detrazione non superiore a 60.000 euro;
Gli interventi di installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici, per usi industriali o per il fabbisogno di acqua con un valore massimo di detrazione non superiore a 60.000 euro;
Gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaia a condensazione e la messa a punto del sistema di distribuzione con un valore massimo di detrazione non superiore a 30.000 euro.
Alla detrazione è possibile accedere a condizione che:
un tecnico abilitato asseveri la rispondenza dell'intervento ai requisiti previsti;
il contribuente acquisisca la certificazione energetica dell'edificio o l'attestato di qualificazione energetica dell'edificio, che deve comprendere l'indicazione degli interventi migliorativi delle prestazioni energetiche.
Chi sono i beneficiari dei contributi:
tutti i contribuenti, persone fisiche, professionisti, società e imprese.
Cosa devono fare i beneficiari per ottenere l'agevolazione: devono rivolgersi ad un tecnico abilitato (geometra, ingegnere, architetto, perito industriale) che presenta proposte per ridurre le dispersioni termiche: finestre, caldaie a condensazione, isolamento delle murature e pannelli solari.
Il tecnico può proporre anche l'intervento complessivo sull'edificio (ad esempio condomini), ma in questo caso il parametro per il beneficio fiscale viene calcolato tenendo conto dell'efficienza energetica complessiva.
Il tecnico deve fornire al beneficiario la documentazione che attesti il rispetto dei requisiti e un attestato di certificazione energetica: occorre fare attenzione in particolare alla relazione asseverata sulla rispondenza dell'intervento effettuata dal tecnico abilitato, che ne risponde civilmente e penalmente dell'asseverazione, tenendo conto che le Amministrazioni Comunali hanno la facoltà di controllare i lavori eseguiti.
Il beneficiario pagherà il tecnico con bonifico bancario o postale conservando tutte le fatture dell'intervento per la denuncia dei redditi 2007 che farà nel 2008.
La detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione è cumulabile con altri incentivi posti in essere da Regioni, Province e Comuni.