Rispettare i divieti Ma anche la logica

(...) al lavaggio strade“ è vietato parcheggiare, dove sta la discussione?». Serra, teoricamente, avrebbe pure ragione. Ma il problema sta nella morale che ne trae: «Sappiamo bene che l’omicidio è una colpa più grave del parcheggio in divieto di sosta. Il problema è che in un paese (io preferisco la maiuscola per Paese, ndr) che ha perso (da tempo) la nozione del divieto di sosta, anche la nozione di omicidio, e delle leggi in generale, alla fine diventa più vaga».
Io, invece, la vedo diversamente. Penso che nella notte nera in cui tutte le vacche sono nere, sia molto più difficile vedere qualsiasi cosa. E temo che - visto che ci occupiamo troppo di divieti di sosta, forse perchè fare multe per i divieti di sosta (corsie gialle, strisce blu, isole azzurre e cromatismi vari e assortiti, oltre che ovviamente telelaser nascosti) è più facile per i Comuni e serve a far cassa - si perda l’interesse a perseguire gli omicidi e a far rispettare le leggi in generale.
Penso che sia più grave andare in giro con estintori da tirare addosso alle camionette dei carabinieri, piuttosto che parcheggiare in divieto di sosta. E penso che, nelle notti in cui in una via si aggiunge un divieto per il lavaggio della strada o per la pulizia delle caditoie, si possa tranquillamente parcheggiare nella via adiacente, anche in divieto di sosta, purchè non si dia fastidio a nessuno.
Penso che la legge sia fatta per l’uomo, anche per Serra. E non l’uomo per la legge. E penso che il buonsenso non abbia mai fatto male a nessuno. Qualche multa assurda, invece sì.