Risposta È vero, ma ha scippato gli elettori leghisti

Gentilissimo avvocato Iavicoli,
non abbiamo alcun problema a pubblicare la vostra precisazione, anche perchè ci siamo limitati ad enunciare dei dubbi di consiglieri regionali e iscritti alla Lega Nord su verbali, oggetti, bandiere, coppe e medaglie che, secondo loro, erano spariti dalle sedi del Tigullio. Prendiamo volentierissimo e piacevolmente atto del fatto che il consigliere Limoncini non li ha presi, ma ribadiamo che delle coppe e dei verbali della Lega ci interessa davvero poco. Anzi, zero. L’avevo scritto e lo ripeto con piacere.
Quello di cui ci importa - non perchè difendiamo a prescindere la Lega, ma perchè difendiamo a prescindere la democrazia - è invece la questione politica. E su questo non mollo di un millimetro. A costo di essere ripetitivo, riproporrò la questione fino alla noia. O, almeno, fino a che Marco Limoncini (o Claudio Burlando, o Rosario Monteleone o Alessandro Repetto e poi spiegherò perchè li chiamo in causa) non dirà una parola - politica, non giudiziaria - sullo scippo di democrazia che vediamo nel consiglio provinciale di Genova. Scippo su cui, dopo una prima vampata iniziale del Pdl, nemmeno nel centrodestra nessuno dice nulla. Addirittura la Lega, diretta interessata, (...)