Rissa in discoteca al mare pena ridotta in Appello

La corte d’appello di Bologna ha ridotto da 6 anni e 8 mesi a 4 anni e 2 mesi di carcere la condanna inflitta dal tribunale di Rimini nel 2001 a Gianluca Di Pietra, di Cernusco sul Naviglio, riconosciuto colpevole in primo grado del tentato omicidio di un ragazzo di Lambrate, colpito al volto con una coltellata alle 5 della mattina del 13 agosto 1999. I giudici emiliani hanno infatti derubricato il reato in lesioni personali gravissime, riconoscendogli un'ulteriore attenuante, visto l'avvenuto risarcimento del danno. Di Pietra estrasse il coltello all'uscita da una discoteca, dopo aver affrontato verbalmente e poi colpito con uno schiaffo un ragazzo che accusava di avergli rubato un paio di occhiali. In aiuto dello schiaffeggiato arrivarono due amici. A questo punto Di Pietra aprì il coltello a serramanico, con una lama lunga 17 centimetri, e ferì a un braccio e al torace due giovani di Caragnate giudicati guaribili in 8 giorni, e sfregiò il ragazzo di Lambrate.