Rissa al mercatino Volano coltellate colpiti tre romeni

La polizia interviene per placare gli animi e cercare di capire come sia iniziata la rissa tra una decina di romeni, tre dei quali finiti in ospedale. Impresa improba: tutte le persone fermate dicono di parlare solo romeno e di non capire una parola di italiano. Dicono. Anche se forse, alla fine, c’è poco da capire: sembra la solita zuffa nata per futili motivi tra poveracci. E per poco non finita in tragedia, visto che sono volate anche alcune coltellate.
Sono da poco passate le 10 al parcheggio del capolinea della linea verde a Cascina Gobba dove da mesi, ogni domenica si ritrova la numerosa, e turbolenta, comunità romena, per dare vita a un pittoresco mercatino dell’usato. Merce di tutti i tipi che passa di mano, spesso con la vecchia vecchia tecnica del baratto. Un’occasione anche per incontrare vecchi amici.
A un certo punto un gruppetto, sembra una decina, viene alle mani, la rissa degenera fino a quando non spuntano anche dei coltelli. Partono le chiamate alle centrali operative e quando la polizia arriva sul posto, trova già un’ambulanza che sta soccorrendo un uomo di 36 anni, Adrian P. Ha perso molto sangue, sembra in condizioni disperate. Viene intubato e portato d’urgenza al San Raffaele in codice rosso. Qui viene operato d’urgenza ma già dopo poche ore le sue condizioni appaiono meno preoccupanti: è in prognosi riservata ma non dovrebbe correre pericolo di vita. In ospedale arrivano poi anche i suoi due amici di 31 anni e 38 anni: «ricuciti» e subito mandati a casa, guariranno presto. Alla polizia ora il difficile compito di capire cosa sia successo.