Un «ristorante» nel centro islamico: scatta il blitz della Asl

Vigili e Asl sono tornati in viale Jenner. Il centro islamico è stato di nuovo oggetto di controlli. E, ancora una volta, sono state riscontrate numerose irregolarità. Le condizioni igieniche, innanzitutto. Ma non solo. Al termine delle verifiche, infatti, sono stati contestate anche la violazione del regolamento sui rifiuti, e la conservazione e distribuzione degli alimenti. Sono state elevate una decina di multe, per un totale di circa 10mila euro.
Per Abdel Hamid Shaari, responsabile del centro, si tratta di «accanimento». «Se vogliono che chiudiamo - insiste - che lo dicano». Replica il vicesindaco Riccardo De Corato. «Nessun accanimento, ma ci spieghino come mai in quei locali non vengono rispettate le regole e perché ci si continua a comportare come se quella fosse una zona franca». Davide Boni, capodelegazione della Lega in giunta regionale, rilancia. «È venuto il momento che il Comune prenda una decisione definitiva».