Ritmi «esotici» e instant cd per i Negrita

Simone Mercurio

Ci avevano abituato a chitarre lancinanti, ritmiche potenti e bassi rutilanti gli aretini Negrita, questa sera dalle 21 al teatro Tendastrisce di via Perlasca, dalle 21, per la tappa romana del loro tour al chiuso. Fortemente rock, crudo e ruvido. Un loro recente viaggio in terra brasiliana ha contaminato e arricchito la loro musica.
L’ultimo disco L’uomo sogna di volare, è un lavoro ricco di immagini sonore e va oltre i rigidi canoni del rock. Sonorità sudamericane (brasiliane, soprattutto), bossanova e rap, come nel caso del pezzo di apertura Sale con il rapper brasiliano Gabriel O’ Pensador.
Oltre ai nuovi pezzi, nello spettacolo ci sarà naturalmente spazio per il repertorio dei Negrita, con canzoni tratte dagli album precedenti, tra cui Cambio, Magnolia, Transalcolico e Reset.
«È uno spettacolo elettrizzante e adrenalinico come non mai - promette Pau - Avete voglia di una serata “tranquilla”? Allora restate “tranquillamente” a casa. Il concerto dei Negrita è un’altra cosa!»
Con questo tour, inoltre, i Negrita saranno promotori di una iniziativa innovativa per il mondo della musica digitale: la band, infatti, regalerà centinaia di «iTunes collector's card» a ogni data. Le card permetteranno di scaricare gratuitamente dal negozio iTunes, tramite un codice univoco stampato sul retro della carta stessa, una versione inedita del brano L’uomo sogna di volare (Corazon Tradicional). Una session che ha dato vita ad un arrangiamento del tutto nuovo rispetto al pezzo originale e che continua il percorso sonoro già intrapreso con i precedenti brani Rotolando verso Sud e Il Branco. Il brano è stato interamente arrangiato, registrato e mixato in Toscana nel settembre scorso.
Sul palco con Pau alla voce, Drigo (chitarra), Mac (chitarra) e Franky (basso) insieme al batterista Cristiano Dalla Pellegrina (ex degli Estrema) e il giovanissimo percussionista brasiliano Itaiata Josè De Sa.