Ritratto inedito di Ludwig Hohl

Si è aperta al Centro culturale svizzero in via del Vecchio Politecnico 3 (piazza Cavour), la mostra a cura di Peter Erismann dedicata allo scrittore svizzero Ludwig Hohl con disegni di Hanny Fries e Roger Montandon, fotografie di Jean Mohr e Daniel Vittet e un filmportrait di Alexander J. Seiler (fino al 7 aprile; orari: lunedì-venerdì 11–17; sabato 14– 18; ingresso libero, chiuso domenica e festivi). Ludwig Hohl (1904-1980), con Robert Walser e Friedrich Glauser, è uno dei personaggi sconosciuti della letteratura svizzera del secolo scorso. Ha dedicato la vita esclusivamente al suo lavoro influenzando molti scrittori quali Max Frisch, Peter Bichsel e Adolf Muschg.