In riva al mare con la buona musica

Estate rock sul litorale laziale. Grandi concerti gratuiti nelle località di villeggiatura, dal 6 al 28 giugno. È «Sul mare del Lazio», nuova manifestazione culturale promossa dall’assessorato al turismo della Regione. Aprirà le danze Formia, che venerdì 6 e sabato 7, sul molo Vespucci, ospiterà il rock elettronico dei Subsonica, in una delle prime date del loro tour estivo, e il cantautorato raffinato di Max Gazzè. Poi il testimone passerà al Parco Nazionale del Circeo: sabato 14 Carmen Consoli si esibirà in località Cocuzza, nei pressi di Sabaudia, al chilometro 20,600 della strada provinciale litoranea. Un concerto intimo, per sole chitarra e voce, in un luogo incantato. Il Comune di Sabaudia, infatti, ha scelto un’area incontaminata all’interno della foresta, per avvicinare un pubblico numeroso a un luogo del parco quasi sconosciuto. Venerdì 20 Enzo Avitabile, in compagnia dei Bottari di Portici e del grande musicista africano Manu Dibango, porterà i suoi ritmi caldi e frenetici a San Felice Circeo, presso la cava di via del Brecciaro. Gran finale a Nettuno, venerdì 27 e sabato 28 giugno, con il rock di Marlene Kuntz e Afterhours.
Una rosa di concerti di indubbio interesse, dunque, resa ancor più interessante dalla gratuità degli eventi. «Speriamo che questa sia la prima edizione di una lunga serie - spiega Luca Fornari, organizzatore della manifestazione - che mantenga comunque le sue caratteristiche peculiari: grandi artisti, località marittime della costa laziale, accesso gratuito. Per il debutto ci siamo dedicati al sud del Lazio, magari l’anno prossimo ci sposteremo a nord».
All’evento sarà legata anche la mostra «Diario dal mare», a cura dei giovani fotografi professionisti Achille Filipponi e Arianna Forcella. Due ragazzi che per dieci giorni, dal 15 al 25 maggio, si sono «persi» tra le località toccate dal festival, scoprendo personaggi e storie, particolari e panorami di questo spicchio di terra affacciato sul Tirreno. «Abbiamo abbinato i concerti alla mostra - conclude Fornari - per raccontare in modo diverso la parte sud del litorale laziale. Un modo per valorizzare meglio l’offerta culturale e turistica».