Il rivale Pd disperato promette cento euro contro il caro-mutui

Roma. È bastato un endorsement di circostanza per far tornare il sorriso a Francesco Rutelli, in vista del ballottaggio di domani e lunedì con Gianni Alemanno per la conquista di Roma. «Tony Blair mi ha detto “good luck”, buona fortuna». L’ex premier britannico, ora inviato speciale del Quartetto (Usa, Ue, Onu e Russia) per il Medio Oriente, in questi giorni è in Italia per una serie di incontri. «I grandi leader mondiali - ha detto il vicepremier - guardano alle elezioni romane con grande interesse». Ma in realtà il vicepremier sa di rischiare grosso contro l’esponente di An. E ieri ha «calato» il suo asso. Soldi a pioggia: «Se sarò eletto - ha detto - per ogni mutuo stipulato a tasso variabile il Comune verserà una cifra di 1.300/1.400 euro all’ anno per contrastare l’aumento degli interessi subito negli ultimi anni da questo tipo di mutui, soprattutto per le 45mila famiglie che non superano i 40 mila euro di reddito pro capite annuale».