IL RIVALE DI PUTIN ACCUSATO DI IRREGOLARITÀ FINANZIARIE

Mosca. La procura di Mosca ha aperto una inchiesta nei confronti dell’ex primo ministro russo Mikhail Kasyanov, 47 anni, accusato di irregolarità finanziarie. Lo ha reso noto ieri l’agenzia Interfax citando fonti dell’ufficio del procuratore generale.
Kasyanov, che ha immediatamente negato il suo coinvolgimento in qualsiasi affare illecito, era stato giubilato dal presidente Vladimir Putin poco dopo la vittoria elettorale di quest’ultimo nel 2004. L’ex premier, secondo la procura moscovita, è coinvolto nell’acquisto di una proprietà in uno dei quartieri più cari della capitale a un prezzo ben inferiore al prezzo di mercato.
L’inchiesta è considerata un avvertimento a Kasyanov, che negli ultimi mesi è diventato molto critico nei confronti del governo Putin, cui rimprovera tra l’altro di non rispettare le regole della democrazia, e che sta emergendo come potenziale avversario dell’attuale capo del Cremlino per le presidenziali del 2008.