La rivolta contro la Tia arriva a Roma

Approda a Roma la rivolta delle aziende genovesi contro la Tia, famigerata tassa sulla spazzatura. Walter Pilloni, amministratore delegato della Teknit, sarà presente lunedì prossimo su Rai Utile, sul canale 816 satellitare (dalle 10 alle 12) per portare la propria testimonianza a proposito della battaglia che sta ormai conducendo da anni per non pagare doppio lo smaltimento dei rifiuti speciali che la sua azienda produce. «Noi smaltiamo tutti i rifiuti in maniera autonoma, pagando ditte specializzate che sono inserite in un albo regionale - spiega Pilloni - tuttavia il Comune da anni insiste a chiederci di pagare la tassa sullo smaltimento dei rifiuti urbani sull’intera superficie dell’azienda, come accade per un appartamento. Ma qui si parla di imposte per 15-20mila euro all’anno. Che noi paghiamo doppi». Insieme a Pilloni sono molti gli imprenditori genovesi che stanno facendosi avanti per sostenere la protesta. Come Maria Canepa, titolare dell’omonima ditta, che da circa sette anni sta combattendo per avere giustizia. «Credevamo di essere soli, abbiamo scoperto di essere in tanti - spiega Maria Canepa -. E siamo pronti a fare di tutto per avere giustizia contro questa indebita forma di tassazione».