La rivoluzione di Illy nasce l’iperespresso

Inventare è impresa tosta ma anche reinventare un qualcosa di pressoché perfetto richiede altrettanta fantasia, perseveranza e perizia perché è facile peggiorare la situazione. Alla Illy è successo che abbiano deciso di rifondare l’espresso. Detto così suona come un’impresona però c’è un però: se non si beve subito il caffè, la schiumetta si dissolve, tutto si raffredda e anche la tazzina migliore diventa una mediocrità. Capita facilmente quando bisogna fare l’espresso per più persone, mai che tutti (o quasi) lo bevano assieme e buono. O alcuni freddo e altri giusto, o tutti buoni ma un paio alla volta e magari devi aspettare l’amico che ancora non lo ha avuto. Sia come sia, con Illy Metodo Iperespresso la miscela è racchiusa in una capsula cilindrica che supera la sola, unica fase della percolazione (l’acqua entra dall’alto nel filtro, estrae il caffè e cade dall’alto nella tazza). Si hanno due momenti, l’iperinfusione e l’emulsione. Suona complesso, ma nessuno ci bada. Fa tutto l’apparecchio che produce una crema profumata e persistente, che rimane tale per un quarto d’ora. Per ogni informazione www.illyeshop.com. L’apparecchio base costa 249 .