Una rivoluzione urbanistica da sei miliardi

Nei prossimi anni verranno realizzate la città della moda, il quartiere Santa Giulia e nuove linee del metrò

Sei miliardi di euro investiti in opere pubbliche: è questo il bilancio dei nove anni delle giunte Albertini. Ecco i principali punti della rivoluzione urbanistica già compiuta e che sarà completata nei prossimi anni.
L’ex Fiera. L’area è stata ridisegnata dai tre tenori dell’architettura Arata Isozaki, Daniel Libeskind, Zaha Hadid e ospiterà un grande parco sul quale sorgeranno tre grattacieli. Intorno, abitazioni per cinquemila persone, il Museo del Design, il nuovo Vigorelli e il giardino d’inverno per bambini e anziani. Previsti lavori fino al 2014.
La Città della Moda. Nell’area di Garibaldi-Repubblica i cantieri saranno aperti dal 2006 al 2010 per realizzare il progetto firmato da Cesar Pelli: un’isola pedonale creata per dedicare un intero quartiere al mondo del fashion, a partire dal Museo e dall’Università della Moda. Lì accanto, moderni grattacieli ospiteranno uffici del Comune e della Regione. Vi sarà poi un grande parco che si chiamerà Biblioteca degli alberi.
Santa Giulia. Nella zona di Rogoredo-Montecity sorgerà un intero quartiere che porterà il nome della santa a cui è dedicata la chiesa che vi sarà costruita e che si estende su 120 ettari progettati da Norman Foster con parchi, appartamenti cablati e informatizzati, 24mila parcheggi e tram. Il nuovo centro congressi potrà ospitare ottomila persone.
La nuova Fiera. A Rho-Pero la vela di Massimiliano Fuksas è il simbolo architettonico dei due milioni di metri quadrati di spazi espositivi. L’opera è costata 11 milioni di ore di lavoro in 30 mesi e ha otto padiglioni per un totale di 80 sale congressi, 20mila parcheggi, 14 ristoranti, due alberghi.
La Scala. Trenta mesi di lavoro e una spesa di 60 milioni di euro per il restauro, l’ammodernamento e la messa in sicurezza del Piermarini. Un restauro che è stata anche l’occasione per la nascita del nuovo teatro degli Arcimboldi alla Bicocca.
Depuratori. I depuratori di Nosedo, San Rocco e Peschiera Borromeo, costati rispettivamente 118, 87 e 22 milioni di euro, filtrano e ripuliscono le acque reflue di oltre due milioni e mezzo di abitanti. I depuratori sono immersi in vasti parchi con piste ciclabili.
Metropolitana. Sono state inaugurate le nuove stazioni di Maciachini, Abbiategrasso, Pero e Rho-Fiera. Nel 2007 la linea 2 arriverà fino a Assago e la linea 3 ad Affori-Comasina. Sono stati aggiunti 40 chilometri di rotaie e si è dato il via alla linea 4 e 5 della metropolitana.
Parcheggi. Sono stati costruiti sette nuovi parcheggi di corrispondenza, portando il numero totale a 19. Altri 8 sono in costruzione o in progetto. A questo punto sono oltre 16mila i posti auto a disposizione nei parcheggi di interscambio tra Milano e hinterland. Sono oltre 59mila, invece, i posti auto progettati o in corso di realizzazione per la città.