Robert Guerriero. Il guerriero brasiliano che parla polacco

In Polonia, ex impero sovietico, si sono affidati all’olandese Leo Beenhakker per partecipare per la prima volta alla fase finale degli Europei, ma hanno anche naturalizzato un brasiliano, Roger Guerriero, nato a Sao Paulo il 25 maggio 1982: un po' trequartista e un po' attaccante, piedi discreti e una carriera con le maglie di Sao Caetano, Corinthias e Flamengo, per poi trasferirsi in Spagna (Celta de Vigo e Juventude) e infine, nel 2006, in Polonia. Qui, il buon Roger ha svoltato: con la maglia del Legia Varsavia ha vinto un titolo destando l'interesse di Beenhakker, che stolto non è. Risultato: lo scorso 17 marzo Guerriero è diventato cittadino polacco in una cerimonia presieduta dal presidente della nazione Lech Kaczynski. Guerriero ripercorrerà quindi le orme di Emmanuel Olisabede, nigeriano naturalizzato polacco presente ai Mondiali 2002.