Roberto Carlino: «Il mattone è l’investimento migliore, soprattutto per i più giovani»

Un investimento sicuro. Al di là di tutte le previsioni su una «bolla» destinata, secondo alcuni analisti, a sgonfiarsi prima o poi. «Il mattone rimane di un’affidabilità unica. Nel 2007 sono state superate anche le più rosee previsioni». È soddisfatto il presidente di Immobildream Roberto Carlino, uno degli imprenditori del mattone più in vista della Capitale.
Si pensava che i costi delle case sarebbero diminuiti nel lungo periodo e invece...
«E invece il valore degli immobili è cresciuto ancora. Secondo le nostre previsioni sarebbero dovuti aumentare del 5% e invece a metà anno siamo già al 7%. Ennesima dimostrazione che comprare il mattone è sempre un ottimo affare. L’acquisto di un immobile è e sarà sempre remunerativo».
Il rovescio della medaglia è che chi vuole comprare ha maggiori difficoltà.
«Una volta forse. Oggi sono molte le banche che finanziano fin quasi al 100% del mutuo. Il problema si pone soprattutto per i più giovani visto che se la media nazionale dei proprietari di casa è sull’81% nella fascia d’età 26-35 anni scende al 35%. Oggi però anche chi ha un contratto di lavoro a tempo determinato può fare questo investimento. Le giovani coppie, per esempio, possono prendere un immobile come se fosse un affitto. Con la differenza che un domani saranno soldi ben spesi».
Quali sono state nell’ultimo periodo le modifiche legislative più importanti nel campo dell’edilizia?
«Sicuramente la legge 122 del 2005 che dà maggiori garanzie all’acquirente. Obbliga infatti il costruttore a sottoscrivere una polizza assicurativa in favore di chi compra. Anche il decreto Bersani è importante perché ha eliminato i costi aggiuntivi per l’estinzione del mutuo. Guardo con favore, infine, alla riduzione dell’Ici sulla prima casa decisa dal governo».
Il dilemma dell’acquirente è sempre lo stesso: comprare una casa vecchia in una zona centrale o una appena costruita ma un po’ fuori dalla città?
«Il mio consiglio è puntare al nuovo. Si risparmia certamente. Un po’ perché il privato che vende dà sempre un valore “affettivo” alla propria casa che fa lievitare il prezzo. Un po’ perché si risparmia sulla ristrutturazione e sulla manutenzione. In una casa nuova basta comprare qualche mobile ed è possibile andare subito a viverci. Inoltre acquistare “sulla carta” da un costruttore affidabile conviene sempre».